Così per caso

“Così per caso”

Metti una sera, così, che io ti incontri per caso.
Una di quelle sere solite, in cui non ci avrei scommesso niente.
Metti che ti guardo, tu mi guardi, e nasce un sorriso.
Metti che poi ti parlo, tu mi parli, e nasce la voglia di ascoltarsi.
Metti che poi torno a casa, e non so smettere più di pensarti.
Forse mi direi che è grave.
Rigirandomi nel letto mi chiederei se è vero.
Comincerei a sognarti quasi ancora sveglia.
– Posso innamorarmi di te? – ti chiederei. – Posso cominciare a pensarti quando nasce il sole, finché la notte mi accende i sogni?
Posso emozionarmi quando ti vedo arrivare da lontano?
Posso diventare imbecille tutte le volte che parlo di te?
Posso desiderarti ogni volta che ti ho accanto, e perdermi dentro ai tuoi occhi?
Posso stare ad ascoltarti per ore mentre tocco con lo sguardo le tue labbra? –
Metti che, da matta quale sono, riuscissi a dirti tutto questo.
Dopo che una sera, magari, ti incontrassi così, per puro caso…

-Patrizia Perotti-

error: Invece di copiare, CONDIVIDI !!